L’arte di piacerti, senza cercare di essere qualcun’altra, è un percorso da fare, per acquisire la salute della tua immagine.

La parola Salute, dal latino salus-utis, letteralmente significa salvezza, intesa come stato di benessere e tranquillità. Inoltre, salute viene utilizzato anche come termine per indicare uno stato di felicità spirituale, di beatitudine.

L’arte di piacerti è andare alla ricerca del tuo stato di salute ottimale. Ascoltare quello che ti genera benessere per coltivare un’immagine felice.

Una qualità di vita in salute, tuttavia, si trova con più naturalezza e semplicità se hai una percezione positiva della tua identità.

Da ragazza, per essere felice e piacermi, cercavo di raggiungere misure corporee perfette. Dopodiché, ho scoperto che la felicità non deriva dall’avere un fisico perfetto, bensì dal sentirsi bene nel proprio corpo.

La moda “etichettata” come frivola e superficiale, pertanto, si trasforma con la mindfuldress, in uno strumento per migliorare la percezione di se stessi e aumentare l’autostima.

In primo luogo, l’abbigliamento è un estensione di te, del modo in cui ti vedi. Perciò i vestiti che scegli di indossare sono un modo per entrare in contatto con il tuo io più profondo. Inoltre, ti aiutano a gestire le emozioni e comunicano agli altri la tua identità.

La cura dell’immagine racconta l’amore che hai per te stessa, elemento fondamentale per una buona autostima e il tuo benessere generale.

In secondo luogo, la percezione che hai del tuo corpo condiziona la scelta degli abiti che indossi. Allo stesso modo, la scelta dei vestiti che desideri per i tuoi look, influisce su quello che pensi di te stessa.

Una ricerca (Dubler e Gurel, 1984) ha evidenziato come la moda può essere utilizzata per esprimere emozioni positive o per superare concetti negativi di sé. Gli studi hanno dimostrato che i vestiti possono sollevare o cambiare un umore basso, per esempio con l’utilizzo di abiti colorati.

L’abbigliamento può aumentare le sensazioni positive di valere e migliorare lo stato d’animo.

In conclusione, la moda diventa uno strumento per definire e coltivare un’identità positiva, inoltre narra chi sei, come ti vedi e contribuisce ad attivare dinamiche relazionali soddisfacenti.

Ti propongo, alcune lezioni di benessere per iniziare a piacerti senza cercare di essere qualcun’altra:

Lezione n.1

Sviluppa uno sguardo differente, dietro ogni imperfezione si nasconde almeno un pregio, allenati a trovarlo.

Alcuni esempi: se hai un fianco morbido puoi evidenziare la vita che apparirà più sottile; se valorizzi il seno generoso, mimetizzi l’addome più morbido.

Lezione n.2

Basta con i confronti sfavorevoli, questo è il modo più sicuro per sminuire la tua fisicità. Non paragonarti alle altre.

Se proprio devi fare dei confronti falli per cercare i tuoi pregi. Quando sorge la voglia di paragoni, osserva quello che hai di bello tu in confronto ad altre.

Qualche esempio:

  • “ho delle gambe slanciate a confronto di…
  • “ho la pelle vellutata più di…”

Lezione n.3

Esprimi gratitudine per le tante cose che il tuo corpo ti permette di fare.

Scrivi quante azioni, sensazioni puoi fare e sentire grazie al tuo fisico.

Ad esempio: ballare, camminare, abbracciare, accarezzare, suonare, ecc…

Lezione n.4

Prenditi cura di te, scrivi una lista di coccole che puoi regalare al tuo corpo.

Concediti un piccolo piacere ogni settimana: un massaggio ai piedi, uno scrub per il corpo, una manicure, una piega dalla parrucchiera, un lungo bagno caldo, aggiungi tutto quello che ti piace.

Entrare in contatto con le tue forme e saper evidenziare tutte le potenzialità del tuo fisico, ti permette di sentirti bene con te stessa e bella così come sei.

La bellezza non è una questione di taglia.

Lezione n.5

Mi ascolto, mi vedo, mi piaccio.

Per una settimana, gioca a “Come se”

Vestiti per uscire come se ogni giorno fosse un’occasione speciale. Inoltre, annota come ti senti, ti vedi e che cosa ti piace.

L’arte di piacerti racchiude l’ascolto del corpo per mantenerlo in salute, dopodiché, imparare a guardarsi con occhi nuovi per accettare le imperfezioni come segni di unicità. Inoltre, piacerti attraverso la valorizzazione delle tue caratteristiche con i segreti della moda.

In conclusione, non focalizzarti troppo sul raggiungimento di una forma o peso ideale ma migliora il tuo linguaggio interiore, riscopri la tua fisicità e metti in luce quello che ti piace.

Dai un’occhiata ai miei percorsi: Abitare il corpo e il laboratorio esperienziale Gentilmente.

Vivrai una meravigliosa esperienza alla scoperta di te.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *